Sonno alterato e più lungo di 9 ore associato a rischio di ictus

14 Dic 2019 MEDIA

Uno studio di un gruppo di ricercatori cinesi, che sarà a breve pubblicato su Neurology, ha valutato in 31750 anziani l’ associazione tra (A) sonno di 9 e più ore, (B) lunghi sonnellini diurni e (C) una povera qualità del sonno e il rischio di ictus.

Lo studio si inserisce in un filone “epidemiologico”, che evidenzia sempre più frequentemente associazioni tra sonno alterato e rischio di malattia. Come per la maggior parte degli studi epidemiologici, non vi è alcuna chiara spiegazione per l’associazione documentata e non si può escludere che ci siano altri fattori non ancora definiti o controllati che spieghino l’associazione ora documentata.

Anche se il confronto appare impari, corretti e misurati sono sia l’articolo del New York Times che il rilancio sui media italiani.

Luigi De Gennaro, comitato editoriale AIMS

Condividi

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Search

+